Dia De Los Muertos

Oggi mi prendo una pausa!

Dopo mesi di appuntamenti quotidiani con eventi che ruotano intorno a Roma, voglio prendermi parlare di una festività un pò lontana dalla romanità ! ( fa anche rima! )

La nostra festa di Ognissanti ( 1º novembre ) e la commemorazione dei defunti ( 2 novembre ), oltreoceano, sono vissute in modo diverso.

La cultura messicana mi ha sempre affascinato molto e per questo volevo scrivere un post su questa festa integrandolo con qualche evento che si svolge a Roma. In realtà non ho trovato festeggiamenti vicino: a differenza di Halloween ( CLICCA QUI se vuoi leggere il nostro articolo ), il “dia del los muertos” non è arrivato a noi che rispettiamo il calendario delle festività cristiane.

Vi propongo una cosa : facciamo una carrellata sulla festa e poi vi propongo un evento casalingo : ricette a tema, da preparare !

La festa fa parte della cultura messicana e si è estesa al Sud degli Stati Uniti, diventando poi nel 2003 Patrimonio dell’Umanità!

I festeggiamenti possono durare molti giorni e la festa viene celebrata con musica, bevande e cibi tradizionali dai colori vivi, combinati a numerose rappresentazioni caricaturali della morte.”

“La morte e’ accettata come parte integrante della vita, con serenita’, senza alcuna tragica connotazione. E’ amata e rispettata perche’ senza di essa non ci sarebbe la vita.

Il 1 e il 2 novembre i cimiteri si riempiono di gente, soprattutto la notte, le famiglie arrivano con mazzi enormi di cempasuchil, i fiori di stagione con cui ornano le tombe, recano le ofrendas preferite dei parenti scomparsi poiche’ i defunti scendono in quella notte dall’aldila’ per partecipare con i vivi alla festa.

A lume di candela trascorrono tutta la notte, tutti insieme in un’intensa e lunga veglia: cantano, suonano, ascoltano musica, mangiano seduti sulle tombe, bevono tequila e mezcal, giocano, e partecipano alle comparse, le sfilate mascherate che attraversano le strade dei paesi, che esorcizzano con ironia la paura dell’aldila’.” – A. Monzoni

Forse proprio per questo trovo affascinante la cultura messicana : il senso del “tragico” è sempre attenuato da una visione allegra della vita e del suo naturale svolgersi. I rituali, i colori, le offerte, le luci e le usanze si uniscono in un mix effimero di positività.

VIDEO  – CLICCA QUI

La Repubblica – articolo – Dia de los Muertos – CLICCA QUI

Durante queste celebrazioni vengono preparati alcuni dolci tradizionali come i pan de los muertos le cui forme ricordano ossa o figure umane, e le calaveras, piccoli teschi di zucchero decorati con colori vivaci.

Veniamo ora a noi!

Vi lascio qui un paio di ricettine che potete utilizzare per l’occasione :

.01 – Pan de Muerto – CLICCA QUI PER LA RICETTA SCRITTA

.02 – Calaveras ( Teschi di Zucchero ) – CLICCA QUI PER LA RICETTA SCRITTA

P.S.

Tra poco Dia De Los Muertos diventerà il nuovo ilm della Pixar diretto da Lee Unkrich e previsto per il 2015.

Un pensiero su “Dia De Los Muertos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...